skip to Main Content

I cani comunicano con i loro padroni, ecco come

Cani Comunicano

Con gli occhi e con le espressioni facciali, così i cani comunicano con i loro padroni. Conoscere il linguaggio dei cani per farsi capire

Se si possiede un amico a quattro zampe, è importante conoscere come i cani comunicano con i propri padroni.

Riuscire a decifrare il linguaggio dei cani, consente di migliorare il nostro rapporto con l’animale, comprendere i suoi bisogni.

E’ molto utile, che si tratti o meno del primo cane che si possiede, capire il tipo di comunicazione che il nostro amico intende instaurare.

Una ricerca scientifica, ha svelato quello che un po’, tutti coloro che hanno un cane, sanno da sempre.

Pare che il miglior amico dell’uomo padroneggi molto bene la comunicazione non verbale e se ne serva per far conoscere al mondo cosa prova.

Come i cani comunicano con il padrone

il linguaggio dei cani è stato al centro di un importante studio. Stando ai risultati, secondo i ricercatori della britannica Università di Portsmouth, i cani conoscerebbero quasi alla perfezione la comunicazione non verbale.

I nostri amici a quattro zampe, in verità, non farebbero ricorso a questo tipo di comunicazione con la finalità di ottenere acqua e cibo.

Con la comunicazione non verbale, i cani avrebbero, quale scopo principale, quello di stabilire una interazione più forte con il padrone e gli umani.

I cani fanno tante facce e faccine per ottenere l’attenzione che pensano di meritare.

Il campione di cani osservato

Due dozzine di cani di età compresa tra uno e dodici anni, appartenenti a diverse razze, questo il gruppo messo sotto osservazione dai ricercatori.

Un ricercatore ha poi avuto a che fare con gli animali protagonisti dello studio in quattro differenti contesti:

  • Ricercatore con il viso rivolto verso gli animali
  • Girato dando le spalle ai cani
  • Tutte e due i contesti ma prima con e poi senza cibo


Le espressioni facciali dei cani

Per capire come i cani comunicano è bastato osservare il momento in cui i cani hanno fatto più espressioni facciali.

La maggior parte dei cani, ha prodotto più espressioni facciali quando si è trovata il ricercatore con il viso rivolto verso di essa.

In questa fase, i cani, hanno cercato di comunicare con gli occhi ed altri elementi del muso, per richiamare l’attenzione della persona.

Non è mancata la tipica espressione del cane affranto, bisognoso di tante coccole e di affetto.

Le facce prodotte davanti agli occhi del ricercatore che li guardava, sono state più del doppio rispetto al solito.

Gli scienziati hanno concluso che le espressioni facciali dei cani, sono niente altro che intensi e ripetuti tentativi per stabilire una connessione con l’uomo.

Conclusioni

I cani comunicano con un linguaggio specifico non verbale, i nostri fedeli amici, non sarebbero solo interessati a comunicare le proprie emozioni attraverso le espressioni.

Già in passato, altri approfondimenti, avevano osservato come il cane casalingo, sviluppi dei comportamenti ben precisi per attirare l’attenzione del padrone.

Se il cane ha fame ad esempio, pare preferisca rubare qualche boccone solo nel momento in cui non è osservato da occhi umani.

Il cane domestico impara ben presto a relazionarsi con chi vive in casa. Egli infatti, mette in atto delle strategie di comunicazione non verbale diverse a seconda di chi si trova davanti.

La capacità dei cani di comunicare si è evoluta nel tempo mano a mano che l’uomo ha intensificato il rapporto di confidenza con loro.

Ora sapete che i cani comunicano con il padrone attraverso il linguaggio delle espressioni del muso.

Con un po’ di pazienza e di spirito di osservazione, potremo decifrare le espressioni che il nostro cane produce a seconda delle varie situazioni.

Questo ci permetterà di capire meglio le sue esigenze e la sua voglia di attenzione.

Leggi pure: Pulci animali domestici, come eliminarle naturalmente

Leggi anche: I bambini che hanno un cane sviluppano meglio la loro rete sociale

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top