skip to Main Content

Punture medusa cosa fare, rimedi veloci e sicuri

Punture Medusa Cosa

Come fermare il veleno e attenuare il dolore, perché è importante conoscere per le punture medusa cosa fare nell’immediato, rimedi sicuri e veloci

Punture medusa cosa fare se, mentre stiamo belli rilassati a divertirci in mare, veniamo pizzicati dall’animale planctonico. Sapere come curare una puntura di medusa e le cose da non fare, ci può tranquillizzare.

Meduse pericolose, dove vivono

La medusa che frequenta i nostri mari, pur avendo la capacità di provocare dolore, non è particolarmente pericolosa per la salute dell’uomo.

In Australia, nel Sud-Est asiatico ed in Messico ad esempio, vivono alcune specie di medusa considerate potenzialmente letali per il genere umano. I casi di cronaca riguardo punture di medusa mortali, fanno riferimento  proprio alle suddette aree geografiche.

L’effetto tossico della puntura di medusa

Quando la medusa lascia sulla pelle le nematocisti, queste liberano sostanze velenose di carattere urticante. Gli effetti vanno dall’infiammazione della parte interessata che si concretizza in gonfiore, eritema, vescicole e bolle. Il dolore è conseguente alla forte sensazione di bruciore che le sostanze urticanti provocano.

Talvolta, i tentacoli della medusa, iniettando le sostanze tossiche, possono generare,  quello che desta più preoccupazione dal punto dei vista medico, le reazioni cutanee ritardate. Una lesione cutanea ritardata, dovuta a puntura di medusa, può manifestarsi dopo giorni e anche mesi dal giorno del contatto. Tali reazioni possono dare luogo a dermatiti di carattere ricorrente o a lesioni eczematose.

Punture medusa cosa fare subito

Quando si viene punti da una medusa, dopo una normale prima reazione di spavento, è bene non agitarsi affatto. Come spiegato, le meduse che vivono nei nostri mari, seppur urticanti, non presentano caratteristiche che possano mettere a repentaglio la vita dell’uomo.

Uscire dall’acqua, se possibile, in un primo momento, rimanere a riva. Sciacquare con l’acqua di mare la parte interessata cercando di portar via quanti più elementi possibili lasciati dall’invertebrato. Nel caso di tentacoli ancora infilzati, non usare coltelli o oggetti appuntiti in metallo. Meglio aiutarsi con tessere rigide tipo carte di credito cercando sempre di essere delicati per non causare ferite.

Punture meduse rimediRimedi naturali efficaci punture

Raggiungere uno chalet e chiedere dell’acqua calda con cui sciacquare più volte la pelle, quindi, un po’ di aceto da applicare sulla parte infiammata. L’aceto (scopri come preparare il potente Aceto dei 4 ladri) è particolarmente efficace nel ridurre la propagazione del veleno iniettato dalla medusa ma non riesce ad attenuare il dolore.

Un altro valido rimedio di pronto soccorso per le punture di meduse è costituito dalla preparazione di una soluzione a base di bicarbonato di sodio ed acqua di mare. Con questi ingredienti si crea un pasta da applicare dove i tentacoli hanno iniettato il veleno.

Infine è buona prassi, dopo aver trattato la pelle infiammata con i rimedi descritti, applicare del gel di Aloe vera oppure la sempre valida e risolutiva crema al calendula.

Conclusioni

Abbiamo visto per le punture meduse cosa fare nell’immediato, come fermare il veleno che i tentacoli hanno iniettato e lenire il dolore provocato nella parte interessata dal tocco dell’animale planctonico.

Comunque, nel caso abbiate un incontro ravvicinato con questo animale acquatico, nessuna paura, sangue freddo e calma aiutano moltissimo a ridurre i tempi di intervento e di risoluzione del problema.

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top