skip to Main Content

Amicizia vera come deve essere

Amicizia Vera Come Deve Essere

Per un’amicizia vera, non conta solo il tempo passato insieme. Un algoritmo rivela se abbiamo a che fare con una vera amicizia vera

Cosa deve accadere affinché una semplice frequentazione possa considerarsi un’amicizia vera, uno di quei rapporti di ferro.

Pare che impegnare 200 ore del proprio tempo con una persona significhi anche l’inizio di una vera amicizia.

Attenzione però anche al pericolo che anziché di un’amicizia, possa invece trattarsi di relazione tossica.

Le ore che decidiamo di trascorrere insieme ad una persona possono determinare il tipo di rapporto che si instaurerà.

Con i risultati di uno studio dell’Università del Kansas, entriamo nel controverso labirinto dei rapporti tra uomo e donna.

Dalle relazioni che nascono al semplice incrociarsi di uno sguardo, alle relazioni intime o alle semplici amicizie, le frugali conoscenze.

L’algoritmo dell’amicizia vera

Un gruppo di studiosi, ha realizzato un “algoritmo dell’amicizia vera” per cercare di capire quando, tra due soggetti, una frequentazione può definirsi amicizia.

I ricercatori hanno poi sottoposto, più o meno 700 persone, ad una serie di domande, le cui risposte analizzate poi successivamente con l’algoritmo.

I risultati svelano la caratteristica principale che deve avere un rapporto per potersi fregiare dell’appellativo di amicizia.

Amicizia vera come deve essere

Secondo una maggioranza vicina alla totalità del campione esaminato, una amicizia vera ha come requisito essenziale ed irrinunciabile, la reciprocità.

Senza questo tratto, siamo di fronte ad altro tipo di rapporto.

Altra nota interessante, riguarda il fatto che dei 700 partecipanti allo studio, meno della metà ha ammesso di avere rapporti di reciprocità.

Si tratta quindi, di una percentuale di amicizia vera abbastanza magra.

Cervello e amicizia

Per capire come il cervello gestisca i rapporti interpersonali, si è partiti da un dato certo. Secondo questo dato, il cervello non sarebbe in grado di gestire più di 150 amicizie.

Il professor Jeffrey Hall ha preso in considerazione due aspetti:

Nel primo, 355 risposte ad un sondaggio sul web indirizzato a soggetti adulti recentemente trasferitesi in nuove località ed in cerca di amici.

Ad ognuno dei partecipanti al sondaggio, il professore ha chiesto di analizzare il rapporto con una persona incontrata al momento del trasferimento.

Successivamente si è chiesto se, e come, questo incontro si fosse evoluto.

Il soggetto, doveva raccontare del tempo trascorso insieme e delle attività svolte in comune.

Al termine, i partecipanti hanno espresso una valutazione della relazione instaurata in base a questi quattro livelli:

  • semplice conoscenza
  • occasionale amicizia
  • amicizia
  • intima amicizia

Leggi anche: Come le persone negative limitano il tuo potenziale

Il secondo aspetto esaminato da Hall, riguardava uno studio su 112 matricole universitarie.

Agli studenti, trasferitesi da 15 giorni, ha chiesto chi avessero conosciuto e se tali conoscenze si fossero poi evolute nel proseguo delle settimane.

La ricerca su cosa deve accadere in una vera amicizia ha prodotto i seguenti risultati:

  • Per una amicizia occasionale sono necessarie dalle 40 alle 60 ore di condivisione.
  • Per diventare un amico vero servono almeno 80/100 ore di condivisione.
  • Con più di 200 ore si trasforma la semplice amicizia in qualcosa di più profondo.

Essere amici, decisione rapida

Il tempo trascorso deve essere di assoluta qualità, si devono cioè condividere non solo gli interessi e le attività ma anche lo stato d’animo dell’altro.

Aristotele diceva: ” Il desiderio di essere amici è una decisione rapida, ma l’amicizia è un frutto a maturazione lenta

Lo studio, pare confermare in pieno tale assunto. Da ricerche effettuate in passato, gli esperti, hanno ricavato dati interessanti sulla relazione tra tempo trascorso e tipo di rapporto instauratosi tra due persone.

Leggi anche: Cosa accade nel cervello quando ci innamoriamo

Conclusioni

Avere a che fare con un’amicizia vera è qualcosa di importante. Il tempo trascorso insieme ad una persona può dare una spinta decisiva verso una profondità del legame.

Tuttavia, da sé, non basta solo il tempo trascorso insieme ad una persona affinché si instauri una vera amicizia.

La ricerca infatti, ribadisce che il requisito fondamentale ed irrinunciabile è la reciprocità.

Senza un dare ed un avere alla pari, sembra sia difficile se non impossibile parlare di amicizia vera.

Forse è qualcosa di altro e dobbiamo fare attenzione a che non si tratti di una relazione tossica.

Ti potrebbe interessare: Uscire subito da una relazione tossica, come fare

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha un commento

  1. Molto interessante. Condivido il fatto che il tempo speso debba essere di assoluta qualità. Ne va dello sviluppo del rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top