skip to Main Content

Frutta e verdura resistente ai pesticidi, cosa acquistare

Bancone Con Frutta E Verdura

Non sempre acquistare alimenti bio conviene, soprattutto se optiamo per frutta e verdura resistente ai pesticidi

La frutta e verdura resistente ai pesticidi possiamo acquistarla anche se non di produzione Bio ed è sicura ugualmente. Quando ci accingiamo a fare la spesa, dovremmo tenere presente che alcuni tipi di frutta e verdura, hanno spiccate capacità di resistere ai pesticidi.

Prodotti Bio, non sempre conviene seguire la pubblicità

Spesso infatti, ci lasciamo trascinare dalla pubblicità e da un’informazione generalizzata che ci impedisce di fare le giuste distinzioni. La produzione e la vendita di frutta e verdura biologica si espande con una certa importanza nelle preferenze degli italiani.

Il Bio fa registrare numeri che stanno ad indicare un buon andamento del settore, un’economia questa che sembra destinata a crescere ancora nel tempo.

Frutta e verdura resistente ai pesticidi

Kiwi. Possiamo acquistare i kiwi di produzione normale, la buccia resiste sufficientemente ai trattamenti chimici. Prima di mangiare e di fare un pieno di vitamina C, leggi tutte le benefiche proprietà del kiwi, va lavato e sbucciato.

Ananas. La polpa dell’ananas gode della protezione sicura della buccia, una vera e propria barriera difficile da oltrepassare per i pesticidi. Una volta eliminata la buccia, possiamo assaporare in tutta sicurezza la bontà di questo frutto dalle mille proprietà benefiche per il nostro organismo.

Melone. La buccia del melone non assorbe pesticidi fino a farli arrivare alla polpa tuttavia, lavarli bene sotto un getto di acqua, meglio se calda, è più che consigliato. Sulla buccia del melone possono infatti trovarsi diversi tipi di batteri, una passata sotto l’acqua calda vi permetterà di tagliarli e mangiarli in tutta sicurezza. Leggi come coltivare con successo meloni in giardino.

Le verdure resistenti

Melanzane. Il colore viola scuro della buccia della melanzana, costituisce una valida barriera naturale contro ogni tipo di contaminazione.

Negozio frutta e verdura a volte bio è inutileFunghi. I Funghi vengono quasi sempre coltivati in ambienti privi di contaminazioni, al chiuso. Per la quasi totalità dei funghi non si ricorre a nessun tipo di pesticida.

Broccoli, cavolfiore, cavolo. Queste verdure contengono repellenti naturali contro gli insetti e sono per questo, poco trattati chimicamente dagli agricoltori.

Cipolle. Se dovete acquistare cipolle già sbucciate anche una produzione non biologica va più che bene. Tolta la pelle infatti, la cipolla è perfettamente commestibile.

Asparagi. La veloce raccolta fa sì che gli asparagi non vengano contaminati da sostanze potenzialmente nocive. Inoltre, la presenza di un enzima naturale, presente negli asparagi, abbatte i comuni pesticidi.

Conclusioni

Come abbiamo visto, possiamo acquistare frutta e verdura resistente ai pesticidi e quindi non necessariamente di origine Bio. Optando per la normale coltivazione possiamo saltare un passaggio che il più delle volte, grava inutilmente sul nostro portafogli.

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top