skip to Main Content

Vitamina D quanto stare al sole. Alimenti ricchi di vitamina D

Vitamina D Quanto Sole Prendere Ogni Giorno - Miogreen

I benefici e le proprietà della vitamina D quanto stare al sole e quali sono gli integratori da assumere. Gli alimenti ricchi di Vitamina D e dove si trova

Si possono godere dei benefici per la salute purché si sappia per fare il pieno di vitamina D quanto sole prendere.

Oltre al sole, sono infatti importanti gli integratori e prima di fare acquisti, conoscere quanto costa mediamente la vitamina D.

Sapere per la vitamina D quanto stare al sole è utile perché raggiungendo il tempo necessario di esposizione ai raffi solari, si rafforza il sistema immunitario.

In questo articolo ci sono utili consigli su cosa fare per aumentare le difese immunitarie.

La Vit. D regola le difese immunitarie e permette all’intestino di assorbire il calcio mantenendo opportuni livelli di calcio e fosforo.

Buoni livelli di vitamina D nel sangue, sembra siano utili nella prevenzione e nella cura di diversi virus influenzali, ecco perché sapere quanto assumerne è importante.

Difficoltà di metabolizzazione della Vitamina D

L’esposizione al sole non deve essere troppo prolungata se si vogliono evitare i danni alla pelle. L’uso di creme solari e un abbigliamento troppo pesante potrebbero influenzare negativamente l’assimilazione e la disponibilità della vitamina D.

Altri fattori che potrebbero interagire con la metabolizzazione della vitamina D possono essere:

  • il fumo
  • l’obesità e la massa corporea
  • le terapie farmacologiche
  • l’età avanzata

Vitamina D quanto sole prendere?

Una esposizione ai raggi solari, per almeno 15 minuti al giorno, è il minimo perché si possa attivare la sintesi cutanea della vitamina D.

Più che l’alimentazione, è proprio la luce del sole la principale fonte di approvvigionamento di vitamina D.

Dopo l’esposizione, la vitamina D deve essere sempre attivata per poter essere metabolizzata dal nostro organismo.

Il processo di attivazione avviene in seguito a due distinte reazioni:

  • nel fegato avviene la conversione a calcidiolo
  • nel rene si produce la struttura fisiologicamente attiva

Alimenti con Vitamina D

Ecco un elenco di alimenti con vitamina D in piccole quantità per 100 grammi di prodotto sono:

  • Aringa 19.0 mg
  • Tonno 16.3 mg
  • Acciughe/Alici 11.0 mg
  • Cernia di fondo 11.0 mg
  • Pesce spada 11.0 mg
  • Carpa 10.6 mg
  • Luccio 10.6 mg
  • Tinca 10.6 mg
  • Trota 10.6 mg
  • Palombo 9.1 mg
  • Salmone 8.0 mg
  • Anguilla di fiume 6.6 mg
  • Uova di anatra 6.5 mg
  • Uovo d’oca 5.0 mg
  • Anguilla di mare 4.9 mg
  • Tuorlo uova gallina 4.9 mg
  • Sarda 4.5 mg
  • Tonno sottolio 4.3 mg
  • Sardine sottolio 4.3 mg
  • Funghi porcini mg 3.1 mg
  • Sgombro mg 2.9 mg
  • Torta margherita 2.8 mg
  • Funghi secchi mg 2.1 mg
  • Suino fegato mg 1.7 mg

Il rischio di assumere troppa vitamina D attraverso l’alimentazione è molto basso, remoto un bel po’.

Oltre alla vitamina D, per rafforzare il sistema immunitario c’è anche la vitamina C, in questo articolo vi fornisco un elenco dei cibi che ne contengono di più.

Benefici vitamina D

I buoni livelli della vitamina D prevengono nei bambini il rachitismo mentre nell’adulto aiutano a mantenere ossa forti, per l’anziano invece, tali livelli sono essenziali per limitare l’osteoporosi.

I benefici della vitamina D si estendono al sistema immunitario, alla modulazione della crescita cellulare e al mantenimento della funzione neuromuscolare.

Recenti studi, hanno confermato l’efficacia della vitamina D nella riduzione di stati infiammatori e gli effetti positivi anche per tumori e malattie autoimmuni.

La vitamina D, così come la vitamina C, sono al centro di numerosi studi riguardo i buoni risultati ottenuti, sia in fase preventiva che per rafforzare le difese immunitarie.


Carenza vitamina D sintomi

La carenza di vitamina D è purtroppo molto più frequente in questi ultimi anni. Una minore esposizione all’aria aperta e al sole in favore di ambienti chiusi con luce artificiale, incidono negativamente sui livelli della vitamina D.

Tra i sintomi da carenza più evidenti troviamo:

  • una minore assimilazione di minerali
  • le carie dentarie
  • il ritardo nella crescita
  • la debolezza muscolare

La carenza effettiva di questa vitamina può essere tuttavia accertata con precisione solo da un’analisi del sangue.

Quando e come integrare con Vitamina D

Questi sono i livelli di vitamina D raccomandati per la popolazione italiana:

  • 10µg (400 IU) di vitamina al giorno fino a un anno di vita
  • 15 µg (600 IU) per bambini, adolescenti e adulti
  • 20µg (800 IU) per gli anziani

Da tenere presente che la vitamina D è espressa come colecalciferolo (1 μg di colecalciferolo = 40 IU vit. D).

Conclusione

Per registrare buoni livelli nel sangue di Vitamina D quanto sole prendere fa bene così come saper fare una buona integrazione.

Se abbiamo tempo, una regolare esposizione della nostra pelle al sole per non più di 15 – 30 minuti al giorno, è più che sufficiente.

Qualora questo non sia possibile, possiamo ricorrere a integratori tenendo presente la tabella di riferimento per la nostra popolazione.

Grazie ad un buon corredo di nutrienti si rende più forte il nostro sistema immunitario e di questi tempi, è quanto meno raccomandabile.

Leggi anche: Integratori donna, quali scegliere e quando iniziare

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top