skip to Main Content

Come togliere graffi dal vetro dello smartphone e da altre superfici

Come Togliere Graffi Dal Vetro Dello Smartphone E Da Altre Superfici

Qualche interessante consiglio su come togliere graffi dal vetro dello smartphone. Eliminare i graffi anche da altre superfici si può fare spendendo poco

Meglio riparare che comprare di continuo, sapere come togliere graffi dal vetro dello smartphone e da altri oggetti può essere di aiuto per allungargli la vita. L’evoluzione degli smartphone continua e sembra inarrestabile anche se a tutt’oggi, di display a prova di graffio ce ne sono davvero pochi. Vediamo come togliere graffi dal vetro dello smartphone ma anche da altri oggetti che bene o male ci capita di usare quotidianamente.

Le superfici da trattare

I consigli riguardano come togliere graffi da:

  • Vetro
  • Metallo
  • Pelle
  • Plastica
  • Legno

Sono rimedi semplici ma estremamente efficaci, vanno tuttavia usati sempre con prudenza. Nel caso di oggetti di particolare pregio, è sempre buona cosa fare un test su una piccola porzione dell’intera superficie da trattare.

Togliere i graffi allunga la vita agli oggetti

Al di là dell’aspetto economico, dare più vita agli oggetti, significa ridurre sensibilmente l’inquinamento. Riparando le cose, aiutiamo quel tipo di economia domestica basata sull’uso fino a fine vita naturale dei vari oggetti e meno sulla obsolescenza programmata.

Quanto segue non riguarda solo come togliere graffi dal vetro dello smartphone ma anche da oggetti che hanno superfici facilmente graffiabili e che quindi necessitano di un tentativo di recupero per riportarle ad uno stato accettabile.

Come togliere graffi dal vetro dello smartphone

Per le superfici in vetro, ci occorre un po’ di cotone, del dentifricio e l’acqua. Mettiamo un piccolo quantitativo di dentifricio sul batuffolo di ovatta. Facendo movimenti circolari, distribuiamo il dentifricio su tutta la superficie del vetro da trattare. Lasciamo agire per una ventina di secondi quindi procediamo passando un panno imbevuto di acqua.

Se il dentifricio non dovesse sortire gli effetti sperati, non perdiamoci d’animo e passiamo al secondo metodo. Per quest’altra soluzione ci serve un panno in microfibra e un po’ di olio di vasellina. Imbeviamo il panno con qualche goccia di olio di vasellina e passiamolo sul vetro strofinando, il risultato non dovrebbe mancare.

Metallo

Il dentifricio è una buona pasta anche per togliere i graffi dal metallo. Mettere una piccola noce di dentifricio sulla superficie in metallo da dove volete togliere i graffi. Stendiamo con una spazzola morbida, quindi passiamo la superficie con un panno pulito. Su acciaio inox graffiato il consiglio è quello di servirsi di una lima per unghie modello buffer, quelle a mattoncino.

Pelle

I graffi sugli oggetti in pelle, quando non troppo profondi, possono essere eliminati con facilità. Ci serve un po’ di olio vegetale e qualche bastoncino di cotton fioc. Imbeviamo il cotton fioc con l’olio, passiamo sui graffi della pelle, lasciamo agire ed asciugare quindi, con un panno asciutto, togliamo l’olio in eccesso.

Plastica

Per eliminare i graffi dalla plastica abbiamo bisogno di un lucidante per le automobili. Spruzzarne un poco sulla parte interessata e passare con un panno.

Phon e panno in microfibra promettono miracoli nel togliere graffi dalla plastica. Il metodo è abbastanza elementare. Puntare per alcuni minuti, il gettito di aria calda sulla superficie graffiata, quindi lucidare con un panno in microfibra.

Legno

I cotton fioc ci servono anche per togliere i graffi sul legno di colore scuro. Imbevuti di tintura di iodio vanno passati sui graffi, poi basta aspettare che la tintura si asciughi.

Per i graffi sul legno, possiamo usare un poco di maionese da stendere sulla superficie da trattare con dell’ovatta.

Leggi: Come togliere macchie di sangue dai tessuti
Leggi: Come diluire lo smalto secco per unghie

Conclusioni

Abbiamo visto come togliere graffi dal vetro dello smartphone e da altri materiali. Le superfici tendono a graffiarsi per tanti motivi, possiamo però riportarle ad un aspetto quasi immacolato. Tornare a riparare invece che a comperare in continuazione vuol dire contribuire a creare anche nuove figure professionali.

Riportare la manualità e l’opera d’arte nel lavoro perché quando si produce lo si fa in serie, quando si ripara lo si fa uno ad uno, c’è un’enorme differenza.

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top