skip to Main Content

Buoni propositi come fare per realizzarli

Buoni Propositi Come Fare Per Realizzarli

Come fare per realizzare i buoni propositi di inizio anno? Perché i buoni propositi non funzionano e dopo un po’ si dimenticano

Come scrivere buoni propositi in modo da realizzare gli obbiettivi che abbiamo in mente. In questo articolo, ci sono istruzioni molto potenti per far sì che i buoni propositi arrivino a buon fine.

Buoni propositi cosa sono

Cosa sono i buoni propositi? E’ una lista di cose da fare, nel breve e medio termine, un impegno preso tra la fine e l’inizio dell’anno. Il più delle volte, si tratta di cambiare qualcosa che non ci piace della nostra vita.

I più abili riescono a formulare buoni propositi rispettando anche la scadenza indicata. Attenzione perché, purtroppo, in rete si trovano molti consigli che portano alla errata formulazione dei buoni propositi.

I buoni propositi sono un impegno che in un dato momento e luogo, prendiamo con noi stessi, un patto tra noi e noi per il cambiamento. Quando formuliamo una lista di buoni propositi, ci ripromettiamo di andare a cambiare alcuni aspetti della nostra vita.

Che si tratti di lavoro, comportamento sociale, relazioni intime, rapporti con parenti, ogni punto che stabiliamo, contiene in sé la voglia di un cambiamento.

Buoni propositi come scriverli correttamente

Scrivere i buoni propositi non serve solo a ricordarli ma stabilisce un vero e proprio patto tra la nostra parte superficiale e l’inconscio, la parte profonda.

E’ fondamentale quindi, fare un elenco il più possibile coerente con i nostri valori e alla portata delle nostre potenzialità.

Quando non riusciamo a portare a compimento gran parte dei buoni propositi che ci siamo posti, indeboliamo la capacità di raggiungere altri obbiettivi prefissi.

Come formulare i buoni propositi

Iniziamo proponendoci di scrivere una lista generale di cose che vorremmo cambiare e gli obbiettivi da raggiungere. Successivamente, selezioniamo al massimo 12 di questi obbiettivi, i più importanti e urgenti per noi.

A questo punto, scriviamo ognuno dei buoni propositi avendo cura di osservare le seguenti regole:

  • Scrivere come se il buon proposito è già realizzato.
  • Usare solo termini affermativi e frasi positive senza negazioni.
  • Visualizzarsi nel momento in cui si è raggiunto il proposito percependo suoni, contatto con materiali vari, gusto e vista.
  • Associare per iscritto, le emozioni provate al raggiungimento del buon proposito.
  • Esprimere sincera gratitudine.

come scrivere buoni propositi
Esempio di scrittura buoni propositi

Ho raggiunto il mio peso ideale nel tempo e con le modalità migliori per me. Mi vedo nel peso adatto al mio assoluto benessere fisico e mentale.

Provo felicità immensa per questo proposito raggiunto e mi congratulo con me stessa. Mi sto specchiando e, mentre mi ammiro, ascolto la mia musica preferita e sorseggio una tisana dimagrante.

Accarezzo il mio addome e le altre parti del corpo che ora sono esattamente come piacciono a me. Sono grata a me stessa e a l’Universo per questo risultato raggiunto.

Leggi anche: La forza della gratitudine, più sei grata e più ricevi

Come risolvere conflitti sui buoni propositi

Le cause che stanno dietro all’abbandono dei buoni propositi, vanno ricercate principalmente nelle nostre credenze.

C’è una massima che dice: “Ogni cosa è vera finché ci credi”. La frase significa che siamo noi a conferire verità alle cose, avendo verso di loro, una fede assoluta.

Le credenze, quando non le mettiamo in dubbio, possono farci muovere o restare fermi verso qualsiasi cosa.

Per i buoni propositi, dobbiamo osservare cosa succede in noi, quando arriviamo al punto 4 del capitolo: come formulare buoni propositi.

Se l’emozione che proviamo è spiacevole o non del tutto positiva, le probabilità di mancare l’obbiettivo sono alte.

Per il momento, vi dico solo che una credenza non è né positiva né negativa, essa svolge il suo ruolo quando facciamo una scelta.

Le nostre credenze sono davvero molto importanti ed è per questo, che al sorgere dell’emozione negativa o comunque limitante, dobbiamo attivarci per risalire all’origine.

Cambiare credenze limitanti, il potere delle domande

Dopo aver espresso il buon proposito nella forma come se fosse già realizzato, se l’emozione provata è negativa chiediamoci da dove arriva.

Quello che dobbiamo fare, è formulare domande positive e propositive, chiedere il perché invece va sempre evitato.

Se si domanda perché, si avrà una risposta di accusa o di alibi, una scusa. Se la domanda viene formulata chiedendo il come fare o come poter risolvere, arriveranno soluzioni.

Quello che dobbiamo fare, è capire se la credenza che ci fa provare un’emozione negativa, sia ancora buona per noi. Nel caso non lo fosse più, si procede alla sua sostituzione.

Una volta stabilito che una credenza va cambiata, dobbiamo solo formularne una nuova aggiungendo valide motivazioni.

Le motivazioni, sono una serie di fatti che abbiamo deciso essere veri per noi. Ricordate la frase di cui sopra? Ogni cosa è vera finché ci credi. Nessuno all’infuori di noi, può conferire verità ad uno o più fatti.

Quando creiamo la nuova credenza, è importante associarvi un’emozione positiva.

Conclusioni

Abbiamo visto come scrivere correttamente i buoni propositi e come fare per risolvere i conflitti interiori che spesso sono alla base del non raggiungimento di essi.

Con le credenze ci vuole un minimo di pazienza e un po’ di curiosità ma possono essere la chiave di svolta per un cambiamento deciso. La fiducia nel raggiungimento dei buoni propositi deve poi essere incrollabile.

Leggi anche: Come evitare lo stress da vacanze

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top