skip to Main Content
Zenzero Come Assumerlo Ogni Giorno

Zenzero come assumerlo ogni giorno

Conoscere la giusta dose di zenzero come assumerlo ogni giorno, senza eccedere, migliora il benessere generale dell’organismo

Origine e famiglia

Pianta facente parte della famiglia delle Zingiberaceae, lo zenzero trova le sue origini in Estremo Oriente. Dalla Cina si sono diffuse diverse pratiche nell’uso di questa pianta, sia in cucina che nella medicina popolare cinese. Conoscere lo zenzero come assumerlo, in quale quantità per non incorrere negli effetti collaterali indesiderati.

Benefici

  • Antidolorifico e antinfiammatorio naturale
  • Abbassa livello degli zuccheri nel sangue
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • Aiuta nel processo digestivo
  • Attività anti-invecchiamento
  • Combatte efficacemente il vomito
  • Contrasta malattie da raffreddamento
  • Valido aiuto per il colesterolo

Efficace rimedio naturale contro flatulenze, lo zenzero ha proprietà interessanti che lo portano ad essere usato come carminativo e per contrastare le coliche intestinali.

Questa pianta, stimola la peristalsi, i movimenti cioè, di stomaco e intestino, di conseguenza, viene utilizzato per attenuare la nausea ed il vomito.

Dentro i rizomi (radici) dello zenzero, troviamo i gingeroli, sostanze attive che originano dalla disidratazione della radice.

Quando siamo al cospetto di disturbi dovuti al mal di movimento, nausea e vomito su tutti, la soluzione affidata a prodotti fitoterapici a base di zenzero si è rivelata estremamente efficace.

Come assumere lo zenzero

Per mal di auto o movimento in genere, si consiglia di prendere lo zenzero mezzora prima di partire nella misura di un grammo in polvere. In caso di persistenza del malessere, proseguire con la stessa dose con intervalli di quattro ore.

Per la nausea o il vomito le pubblicazioni del settore convergono su una dose che va da mezzo a due grammi di polvere di zenzero in capsule.

Per la cattiva digestione, capsule da due a quattro grammi, aiutano a stimolare la peristalsi, quei movimenti dell’intestino che, grazie alla produzione di succhi gastrici, permettono una migliore digestione.

Per tosse, raffreddore, mal di gola

Tagliare un pezzetto di radice di zenzero, più o meno della grandezza di un centimetro quadrato, fatelo bollire in acqua e limone con l’aggiunta di un paio di chiodi di garofano. Questa bevanda, sorseggiata calda, aiuta a combattere efficacemente i mali da raffreddamento, tosse, raffreddore, muco e mal di gola.

Leggi cosa puoi prendere per calmare la tosse naturalmente

Parti utilizzate

Dello zenzero usiamo principalmente la parte chiamata rizoma. La radice, essiccata o fresca, viene usata nelle varie preparazioni in cucina e per gli usi medicamentosi della medicina popolare. Lo zenzero viene comunemente chiamato anche ginger.

Proprietà nutrizionali per 100 grammi di radice di zenzero

  • Calorie 80
  • Grassi 0,8 g
  • Acidi: grassi saturi 0,2 g – grassi polinsaturi 0,2 g – grassi monoinsaturi 0,2 g
    Colesterolo 0 mg
  • Sodio 13 mg
  • Potassio 415 mg
  • Carboidrati 18 g
  • Fibra alimentare 2 g
  • Zucchero 1,7 g          
  • Proteine 1,8 g
  • Vitamine:  A 0 IU – C 5 mg – Vitamina D 0 IU – Vitamina B6 0,2 mg
  • Cobalamina 0 µg
  • Calcio 16 mg 
  • Ferro 0,6 mg
  • Magnesio 43 mg

Abbassamento voce e afonia, risolvi naturalmente, leggi tutto

Dove si trova e come si conserva

Lo zenzero si trova in commercio sottoforma di radice, polpa decorticata, polvere, o spezia. Ognuna di queste forme ha un suo tipo di conservazione.

La polpa fresca, difficile da trovare e se la trovate, il costo non è così a buon mercato, si conserva con più difficoltà e richiede un rapido consumo.

La radice intera, con la scorsa per intenderci, può essere conservata in ambiente secco, al riparo da umidità. Alcuni consigliano una conservazione in frigo avendo cura di sistemare la radice di zenzero in un sacchetto di pane richiuso poi in una bustina di plastica. Importante che lo zenzero non prenda né acqua né umidità.

In aceto e acqua si ottiene una soluzione che può conservare la radice di zenzero per un tempo più lungo.   

Controindicazioni

Eccedere con l’uso di zenzero come di altre erbe e piante, non è mai una buona idea. Troppo zenzero può portare a dolori gastrici, diarrea ed eccessiva flatulenza.

In presenza di elementi indicativi a stati emorragici si sconsiglia l’uso di zenzero. E’ sempre bene iniziare con piccole dosi per valutare una eventuale ipersensibilità alla radice ed alle parti che la costituiscono.

MioGreen

Studio dal 1996 le migliori tecniche di Crescita Personale associate ad una alimentazione produttiva per la mente ed il corpo. Esperto in meditazione ed autoipnosi, ho elaborato un metodo esclusivo per programmare l'inconscio e renderlo più produttivo per la nostra vita. La malattia nasce da un pensiero, arrivare prima che tale pensiero metta radici fa la differenza, i rimedi naturali sono la via che la saggezza dell'universo ci offre per ritrovare pace ed equilibrio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Back To Top